/ NEWS

TAORMINA - “Il mio prossimo film nasce da una delle cose che racconto in Ferzaneide. Lo girerò a ottobre a Roma, ma non nelle mie solite zone”. Al Taormina Film Fest per presentare proprio la sua Ferzaneide, Ferzan Özpetek spiega che il suo prossimo progetto cinematografico, di cui non può rivelare altri dettagli, è proprio lo sviluppo di uno dei racconti del monologo teatrale che ha messo in scena negli ultimi mesi.

Nato d’impulso per sostenere i lavoratori dello spettacolo mentre ancora la pandemia stringeva la sua morsa, Ferzaneide si snoda tra confessioni intime e aneddoti cinematografici: “Alcuni amici mi hanno detto che ho un coraggio incredibile perché dico delle cose che, dette da qualcun altro, farebbero scandalo. Con me, invece, tutto diventa normale. Non so se si tratti di coraggio, ma sicuramente guardando indietro mi rendo conto di aver fatto tante cose che tutti mi dicevano di non fare. In quel momento io pensavo solo a seguire il mio cuore”. Özpetek ha deciso di annullare le 15 date di Ferzaneide previste in estate - “Lo spettacolo mi dà molte soddisfazioni ma è anche molto faticoso e toglie un po’ di vita”, spiega – ma, mentre si gode il successo della serie tv Le fate ignoranti, ha comunque un’agenda fittissima: “Sto scrivendo il quarto libro, Mine vaganti continua il suo percorso a teatro, preparo il film, lavoro a degli spot e alla Traviata da mettere in scena a Napoli”.

VEDI ANCHE

TAORMINA 2022

Ad