/ NEWS

L'attore, morto suicida nell'estate 2014, non aveva il Parkinson come si pensava, ma la demenza a corpi di Lewy.

Lo ha scoperto la sua vedova Susan Schneider Williams.

Grazie ad un'autopsia del suo cervello è stata confermata la diagnosi e, come ha spiegato la CNN, da allora la moglie è diventata un'attivista nel diffondere consapevolezza e ricerca sulla malattia. "Non potrei sopravvivere con me stessa se non raccontassi questa storia", ha spiegato.   

Al disagio è associato un elenco di circa 40 sintomi, e i primi che Williams ha iniziato a mostrare nel 2012 sono stati paura e ansia implacabili, poi è iniziata la paranoia. "Riguardava la regione del suo cervello che aveva una quantità enorme di corpi di Lewy", ha sottolineato Schneider Williams: "Quell'area riguarda la nostra capacità di regolare le emozioni, in particolare la paura e l'ansia. E quella di Robin era sostanzialmente rotta". Ma quando il morbo di Lewy "ha davvero preso il controllo", ha aggiunto è iniziato il delirio: "Il tuo cervello inventa una storia di ciò che pensi sia la realtà. E le persone intorno a te non sono in grado di riportarti a ciò che è effettivamente reale".

VEDI ANCHE

ATTORI

Ad