/ NEWS

E' una coproduzione tra Croazia, Slovenia e Italia il documentario di Igor Bezinović Fiume o morte! che ripercorre gli eventi che portarono, subito dopo la prima guerra mondiale, alla cosiddetta impresa di Fiume. Il poeta Gabriele D’Annunzio, insieme a qualche migliaio di soldati italiani ribelli, conquistò nel settembre del 1919 la città croata di Rijeka, contesa tra il Regno d'Italia e il Regno dei Serbi, Croati e Sloveni. Con il blitz si voleva proclamare l'annessione all'Italia forzando la mano ai delegati delle potenze vincitrici della prima guerra mondiale, all'epoca impegnate nella Conferenza di pace di Parigi. L'occupazione iniziò il 12 settembre 1919 e durò 16 mesi con alterne vicende, tra cui la proclamazione della Reggenza italiana del Carnaro. Quando i ribelli si opposero al Trattato di Rapallo, il governo italiano sgombrò la città con la forza durante il Natale 1920, per permettere la creazione dello Stato libero di Fiume.

Durante l'occupazione Fiume divenne fucina di artisti e pensatori, ma anche laboratorio di idee nazionaliste che sarebbero poi sfociate nel fascismo. Il film - realizzato tra la Croazia, Trieste, il Lago di Garda dove sorge il Vittoriale degli Italiani e il Carso - mescola documentario e fiction. Coproduttore italiano è Erica Barbiani di Videomante, il MIC ha dato il suo sostegno insieme alla Film Commission Friuli Venezia Giulia e molte istituzioni europee.

Bezinović è stato definito uno dei registi croati più interessanti della sua generazione. Dopo una serie di cortometraggi, il suo primo lungometraggio documentario, The Blockade (2012), ha attirato l'attenzione di festival nazionali ed esteri. Quello successivo, A Brief Excursion (2017), è stato presentato in anteprima a Rotterdam, ha vinto vari premi, tra cui la Grande Arena d'oro di Pola.

VEDI ANCHE

DOCUMENTARIO

Ad