/ NEWS

Ogni anno la lista di film che raggiungono i vertici dei festival internazionali anche grazie al lavoro del TorinoFilmLab si allunga: dal 2008 il lab del Museo Nazionale del Cinema che sceglie autori emergenti di tutto il mondo e investe sul loro talento, ha aiutato infatti oltre 1.600 autori e produttori a dare corpo a 160 storie per lo schermo. Dal 24 al 26 novembre il TorinoFilmLab toccherà un ulteriore traguardo con la 15ma edizione del TFL Meeting Event: mercato di coproduzione internazionale che richiamerà a Torino oltre 250 professionisti del settore audiovisivo mondiale per permettergli di scoprire il cinema del futuro.

La classe TFL 2022 presenterà 30 progetti di lungometraggi che vedremo in sala nell’arco dei prossimi 3/4 anni: 20 titoli di ScriptLab e 10 progetti di FeatureLab. Con questi 30 film il TFL dà voce a 43 tra sceneggiatori, registi e produttori provenienti da 26 paesi di 4 continenti - di cui 24 donne, 18 uomini e 1 non-binary - e si fa cassa di risonanza di culture, esperienze, identità e punti di vista eterogenei che si incrociano in una straordinaria varietà di temi e linguaggi. L’evento - in programma tra Unione Industriali Torino e Turin Palace - prevede le presentazioni di questi film in nuce, incontri one-to-one, momenti di networking e la conclusiva cerimonia di premiazione.

Oltre al percorso formativo, il TFL assegna ogni anno dei premi, i TFL Awards, a sostegno di sviluppo, produzione e distribuzione, per favorire le coproduzioni e un’attitudine sostenibile nel fare cinema, grazie anche a svariati partner. Durante la Cerimonia di Premiazione di sabato 26 novembre verranno attributi un totale di 294.500 euro.

Il 40mo Torino Film Festival accoglie in programma il numero record di sette titoli sviluppati dal TorinoFilmLab, dandogli occasione di mostrarsi al pubblico torinese dopo aver girato i più importanti festival internazionali, da Berlino a Cannes, da Toronto a Fortaleza - Brasile. Ben tre film targati TorinoFilmLab sono stati scelti per competere nel Concorso ufficiale del Torino Film Festival. Daughter of Rage di Laura Baumeister, regista e sociologa che con questo titolo è divenuta la prima donna nicaraguense a girare un lungometraggio nel suo paese. Pamfir (in foto), del regista ucraino Dmytro Sukholytkyy-Sobchuk è stato presentato in anteprima mondiale lo scorso maggio a Cannes - Quinzaine des Réalisateurs, ma il suo percorso è iniziato nel 2016 quando ha scritto questo film accompagnato dal TFL lungo il training ‘ScriptLab’ destinato a film in uno stadio iniziale di creazione. Unrest è l’opera seconda del regista svizzero Cyril Schäublin, con cui ha vinto il premio Miglior Regia alla Berlinale 2022 - Encounters.

Inoltre, come ogni anno il TFF riserverà una sezione dedicata ai film TorinoFilmLab con quattro titoli recenti. The Woodcutter Story, debutto alla regia dello sceneggiatore finlandese Mikko Myllylahti presentato a Cannes 2022 - Semaine de la Critique. Sempre dal Festival di Cannes 2022, ma sezione Quinzaine des Réalisateurs, A Male, esordio del colombiano Fabián Hernández che insieme al produttore Manuel Ruíz Montealegre ha partecipato a ‘FeatureLab’ 2019. Dalla stessa annata del TFL arriva al TFF Runner, debutto nel lungo della statunitense Marian Mathias che ha lavorato fianco a fianco con la produttrice Joy Jorgensen fino ad esordire al Toronto International Film Festival 2022 - Discovery. Completa il gruppo dei sette TFL Films in programma al 40° TFF, The Accident, opera prima di Bruno Carboni che, da ScriptLab 2018 è giunto alla recente premiere al 32° Cine Ceará a Fortaleza, Brasile.

VEDI ANCHE

TFL 2022

Ad