/ ARTICOLI

Compie 20 anni il Festival del Cinema Europeo in programma a Lecce dall’8 al 13 aprile presso il Multisala Massimo. "Un traguardo importante di una manifestazione cinematografica che ha portato in Puglia grandi autori europei come Saura, Kauruismaki, Michalkov, Angelopoulos, Ioseliani", dice il direttore artistico Alberto La Monica, soddisfatto tra l'altro della copertura economica biennale da parte della Regione Puglia da poter annunciare le date dell'edizione 2020: 30 marzo/4 aprile. Dallo scorso anno il Festival (CinecittàNews è media partner da anni) è dedicato a Cristina Soldano, direttrice artistica sin dalla prima edizione, e in sua memoria sarà consegnato l’Ulivo d’Oro-Premio Cristina Soldano al Miglior Film. Il regista russo Aleksandr Sokurov sarà il “Protagonista del Cinema Europeo", l’omaggio curato da Massimo Causo che ripercorre i momenti salienti con la retrospettiva di alcuni dei suoi film più rappresentativi realizzati dalla seconda metà degli anni '90 a oggi tra cui l'intera tetralogia del potere: Toro, Moloch, Il sole e Faust  (Leone d’Oro a Venezia 68, nel 2011).

In anteprima italiana sarà presentato anche A Russian Youth di Alexandr Zolotukhin, ex allievo di Sokurov che ne ha firmato la produzione creativa, presentato al Forum della scorsa Berlinale. L’11 aprile è prevista una Masterclass di Sokurov che si terrà in mattinata al MUST, Museo Storico della Città di Lecce. In serata, all’autore sarà consegnato l’Ulivo d’Oro alla carriera al Multisala Massimo, al termine di un incontro col pubblico condotto da Marco Müller. A seguire sarà proiettato Russian Ark (Arca russa), scelto dallo stesso Sokurov e pellicola a lui molto cara, che in uno straordinario e unico piano sequenza racconta 300 anni di storia russa attraversando i saloni dell’Ermitage di San Pietroburgo.

Quest’anno la manifestazione salentina si arricchisce della rassegna “Aspettando il Festival”, caratterizzata da concerti e proiezioni, a ingresso gratuito, che anticipano la serata d’apertura dell’8 aprile che sarà inaugurata da Stefania Sandrelli, che riceverà l'Ulivo d'Oro alla carriera dopo un incontro con il pubblico condotto da Fabrizio Corallo.. In rassegna alcuni dei tanti film interpretati dalla popolare attrice: Divorzio all’italiana di Pietro Germi (1961), La bella di Lodi di Mario Missiroli (1963), Sedotta e abbandonata di Pietro Germi (1964), Io la conoscevo bene di Antonio Pietrangeli (1965), Il conformista di Bernardo Bertolucci (1970), C’eravamo tanto amati di Ettore Scola (1974), La chiave di Tinto Brass (1983), Evelina e i suoi figli di Livia Giampalmo (1990), Te lo leggo negli occhi di Valia Santella (2004) e La prima cosa bella di Paolo Virzì (2009). Alla Sandrelli sarà anche dedicata una Mostra fotografica dal titolo “Stefania Sandrelli, icône du cinéma italien”, con le immagini dell’archivio del Centro Cinema Città di Cesena che ripercorre la sua storia artistica.

Questi i titoli del Concorso - scelti dal direttore artistico e da Luigi La Monica - che verranno presentati dai registi o dagli attori protagonisti: Blind spot di Tuva Novotny (Norvegia); Cronofobia di Francesco Rizzi (Svizzera) con Vinicio Marchioni che sarà a Lecce insieme al regista; Genesis di Árpád Bogdán (Ungheria); Her job di Nikos Labôt (Grecia, Francia, Serbia); Journey to a mother’s room di Celia Rico Clavellino (Spagna); Jumpman di Ivan I. Tverdovskiy (Russia, Lituania, Irlanda, Francia); Oray di Mehmet Akif Büyükatalay (Germania); Paper flags di Nathan Ambrosioni (Francia); Stitches di Miroslav Terzić (Serbia); Summer survivors di Marija Kavtaradze (Lituania); The pig di Dragomir Sholev (Bulgaria); Two for joy di Tom Beard (UK). A premiare i lungometraggi saranno: la giuria presieduta da Marco Müller e composta da Guillame Calop, Pippo Mezzapesa, Ana Urushadze e Olena Yershova,; la giuria FIPRESCI, la giuria Cineuropa e quella del pubblico; inoltre il Premio SNGCI per il Miglior Attore Europeo e il Premio Agiscuola attribuito da una giuria di studenti delle scuole superiori di Lecce.

Nino Frassica, Paola Minaccioni e Alessandro Siani sono i protagonisti della Nuova Commedia Italiana e riceveranno l'Ulivo d'Argento. La sezione Commedia Europea presenta una selezione di cinque opere in anteprima italiana.12 i film, tra cui la terrna finalista - Un giorno all’improvviso di Ciro D'EmilioLa terra dell’abbastanza di Damiano e Fabio D'Innocenzo e Zen sul ghiaccio sottile di Margherita Ferri (distribuito da Luce Cinecittà) - che concorrerà alla X edizione del Premio Mario Verdone consegnato dai fratelli Carlo, Luca e Silvia Verdone.Grazie a

Tatti Sanguineti verrà celebrato il genio dell'attore Walter Chiari e le sue origini pugliesi con filmati inediti, aneddoti, racconti e sorprese. La sezione Cinema e realtà propone i seguenti documentari accompagnati dai registi: Be kind di Sabrina Paravicini e Nino Monteleone, Non più, non ancora di Mariagrazia Contini, Paolo Marzoni, Vito Palmieri, Selfie di Agostino Ferrente (distribuito da Luce Cinecittà) e Tomi Janežič - La cura del teatro di Anna Maria Monteverdi.

Gli appuntamenti pomeridiani presso Liberrima/all’Ombra del Barocco: 9 aprile incontro con Paola Minaccioni, 10 aprile Luciana Castellina (Ulivo d'Oro) presenta il suo "Amori comunisti", 11 aprile  Carlo Verdone presenta "Carlo Verdone" di Gian Luigi Rondi, 12 aprile appuntamento con il produttore italiano Fulvio Lucisano (Ulivo d'Oro)  e 13 aprile incontro con Nino Frassica. Le Anteprime previste sono: Torna a casa Jimi! di Marios Piperides, già vincitore del premio per il miglior film nella sezione International “Narrative Competition” del Tribeca Film Festival; Ci alzeremo all’alba di Jean-Marie Benjamin; Fiore gemello di Laura Luchetti; Stefano Accorsi insieme al regista Leonardo D’Agostini presentano Il campione

10 i cortometraggi finalisti che concorrono al Premio Emidio Greco, mentre la Vetrina del Centro Sperimentale di Cinematografia presenta opere di cinema, animazione, pubblicità e cinema d’impresa, reportage audiovisivo. Puglia Show è il consueto concorso di cortometraggi per giovani registi pugliesi realizzato in collaborazione con il CNC-Centro Nazionale del Cortometraggio e Augustus Color. Shorts Matters! è la rassegna di cortometraggi che hanno avuto la nomination al Best European Short Film Award 2018dell’European Film Academy.

In programma anche i 3 film finalisti del Premio Lux 2018: il vincitore Woman at war di Benedikt Erlingsson, Styx di Wolfgang Fischer e The other side of evrything di Mila Turajlić. La sera del 10 aprile appuntamento con il Party del Festival presso le Officine Cantelmo, una festa offerta alla città con il concerto di The Festival Band e a seguire il dj set di Fabio Tosti.

 

VEDI ANCHE

LECCE 2019

Ad