/ ARTICOLI

Si chiude l’edizione 2019 di Lucca Comics & Games. Tra i tantissimi eventi legati al cinema, è di particolare rilevanza l’annuncio ufficiale dell’avvio di un universo cinematografico legato ai personaggi della Sergio Bonelli Editore, la principale casa produttrice di fumetti in Italia. Qualche tempo fa era stata annunciata la serie su Dylan Dog prodotta da James Wan, ma il primo vero e proprio lungometraggio del Bonelli Cinematic Universe ha per protagonista Dampyr, ed è stato presentato con un evento moderato da Gianluca Gazzoli di Radio DeeJay, con la partecipazione di Michele Masiero, direttore editoriale di Sergio Bonelli Editore, Giovanni Masi Mauro Uzzeo, sceneggiatori del film insieme ad Alberto Ostini, e Nanni Cobretti di ‘i 400 Calci’.

Del film si sapeva, la vera rivelazione è il cast: Wade Briggs (Please Like Me, Still Star-Crossed) sarà il protagonista Harlan, la svedese Frida Gustavsson (Dröm) sarà Tesla, e Stuart Martin (I Medici, Crossing Lines) sarà Kurjak. A loro, si aggiungono poi David Morrissey (Good Omens) come Gorka, Sebastian Croft (Il Trono di Spade) come Yuri, e Luke Roberts (300: Rise of an Empire) come Draka. Il film si baserà sui primi due volumi dei fumetti, e si ambienterà durante la Guerra dei Balcani all’inizio degli anni ’90. Qui, faremo la conoscenza di Harlan, un uomo tormentato da incubi che si aggira fra le campagne fingendo di essere un Dampyr, un essere metà umano e metà vampiro. Quando però degli autentici succhiasangue attaccano i soldati, il nostro si renderà conto che non è pura fantasia: lui, davvero, è un Dampyr!

A dirigere  è Riccardo Chemello, mentre la sceneggiatura porta le firme di Giovanni Masi, Alberto Ostini e Mauro Uzzeo. I produttori sono Roberto Proia per Eagle Pictures, Vincenzo Sarno per Sergio Bonelli Editore, e Andrea Sgaravatti per Brandon Box. Nella crew, invece, troviamo Giorgio Gregorini (Suicide Squad) come truccatore, Vladimir Furdik (Skyfall) come coreografo delle scene d’azione, Lubomik Misak (Il Trono di Spade) come coordinatore degli stunt, e Giovanni Castelnuovo (Wanted) come costumista. Le riprese si stanno attualmente svolgendo in Romania, e proseguiranno per 11 settimane.

Il 53mo festival si è concluso con 270.003 biglietti venduti, superando la precedente edizione: oltre 1.600 attività fra incontri, tornei, workshop, e live performance; più di 4.000 sessioni di autografi; 1.500 postazioni di gioco con decine di migliaia di sessioni giocate; 16 concerti e spettacoli musicali; 2 opere teatrali prodotte dal festival; oltre 1.000 relatori tra cui 180 stranieri.

C'è anche una polemica in atto, su due cosplayer che si sono presentati vestiti con uniformi naziste, e da cui la manifestazione ha preso le distanze con un comunicato. Si legge nella nota: "Il Comune di Lucca e Lucca Crea – ente organizzatore del festival - prendono le distanze e condannano il comportamento dei due ragazzi apparsi nel video caricato ieri in rete, offensivo non solo per Lucca Comics & Games e tutto il suo pubblico, ma soprattutto per la memoria storica del nostro territorio. L’accaduto, spettro di intolleranza e barbarie che non ci appartengono in alcun modo, non ha nulla a che vedere con il festival né con le community cosplay né con alcuna rievocazione storica. Nessun evento della manifestazione, nessun partner, nessuna attività collaterale è coinvolta in questo gesto dei due ragazzi. Sono ormai anni che Lucca Comics & Games basa il proprio programma su cinque fondamentali pilastri etici: Community (perché siamo una manifestazione corale), Discovery (perché invitiamo ad apprendere cose nuove), Inclusion (perché tutti sono parte di questo grande evento e nessuno deve sentirsi escluso), Gratitude (verso gli artisti e gli autori che ci fanno sognare e verso la città che ospita l'evento), Respect (per il patrimonio artistico e monumentale della città)".

VEDI ANCHE

EVENTI

Ad