/ ARTICOLI

Il cinema italiano approda al Polo Nord. Grazie all’Italian Contemporary Film Festival, alcuni fra i più recenti film prodotti in Italia sono disponibili fino all’8 dicembre persino tra gli eschimesi. Il festival infatti quest’anno presenta ICFF at Home, un nuovo formato in streaming distribuito in tutto il vastissimo territorio canadese e alcuni biglietti sono stati acquistati persino a Nunavut, il più recente e vasto dei Territori a Nord del Canada. Grazie alla novità della piattaforma online, comunità che non sono tradizionalmente raggiunte dalla cultura italiana hanno dimostrato interesse al cinema del Belpaese.

Québec City per esempio, e altre località in Québec e nella British Columbia, hanno sorpreso gli organizzatori per il numero di biglietti venduti.

In programma, film come Aspromonte di Mimmo Calopresti, Copperman di Eros Puglielli, Hammamet di Gianni Amelio, Magari di Ginevra Elkann con Riccardo Scamarcio, Odio l’estate di Massimo Venier con Aldo Giovanni e Giacomo, Tolo Tolo di e con Checco  Zalone, Tornare di Cristina Comencini, Tutto il mio folle amore di Gabriele Salvatores, Volevo nascondermi di Giorgio Diritti, Io non sono leggenda di Andrea Mastrovito, Tata del regista italocanadese Antonio D’Alfonso e il cortometraggio L’ordine naturale delle cose di G. Culmone, M. De Ghantuz Cubbe, L.Tallarita. Tra i documentari, A fish out of water di Riccardo Vencato e Stefano Pellizzaro, Fellini première fois del regista italocanadese Paul Tana, Fellinopolis, Palladio, e Renzo Piano, architect of light.

Per il centenario dalla nascita di Federico Fellini, ci sarà anche il cortometraggio 8 e ½ Screens, omaggio a Fellini del regista canadese Atom Egoyan, commissionato dall’Istituto Italiano di Cultura a Toronto.

Oltre alla diffusione, altro vantaggio di questa edizione online, che ha dovuto sacrificare al Covid-19 la sala cinematografica, è la possibilità di partecipare all’annuale Industry Day, che ha reso l’ICFF già da anni uno dei momenti fondamentali d’incontro per le coproduzioni italiane e canadesi. L'Industry Day 2020, Italia-Canada Shortening the Social Distance, è previsto il 2 dicembre, dalle 15 alle 21 ora italiana, in diretta da Pinewood Toronto Studios, e è presentato da Anica, Ice (Istituto per il Commercio Estero) di Toronto, SIRT e Take 5 production. Si tratta di una possibilità molto rara, in questo momento di particolare difficoltà di movimento, di incontrare produttori e addetti ai lavori anche in 'stanze' separate online per eventuali conversazioni private. Saranno presenti figure di spicco della produzione italiana e canadese come David Dexter, direttore SIRT, Andrea Spagna, Advisor Marketing e Business Development, Istituto Luce Cinecittà, Nicola Sganga, CEO Nema FX, Gennaro Coppola, produttore e regista Onemore Pictures, Brendan Taylor, presidente / supervisore VFX presso Mavericks VFX, Nick Vallelonga, produttore americano del premio Oscar Green Book, Carlotta Calori, produttrice di Indigo Film, Andrea Iervolino, produttore di AMBI, Luca Barbareschi, regista, attore e produttore di Casanova Multimedia.

Tra gli incontri "In conversazione con Edoardo Ponti", intervistato da Stella Acquisto, presentatrice della stazione televisiva CityTv, e Cristiano De Florentiis, giornalista di Rai Italia e co-fondatore e direttore artistico dell’ICFF. Il regista italiano Ponti presenta il suo film, La vita davanti a sé, interpretato dalla mamma Sophia Loren, attualmente su Netflix, e condividerà le sue esperienze personali durante tutto il processo di realizzazione del film, parlando di ciò che lo ha spinto a intraprendere quest’avventura e delle sfide che ha dovuto affrontare durante la pandemia.

"In passato - ha sottolineato De Florentiis - siamo riusciti a creare opportunità di cooperazione per addetti ai lavori canadesi e italiani e a dare vita a un progetto nato dall'unione di questi due paesi. Il nostro obiettivo è continuare su questa strada, nonostante l’emergenza sanitaria mondiale che ci ha costretto a chiuderci dentro casa. Grazie all'eccezionale supporto di Ice, ANICA e Ontario Creates, manterremo la nostra attenzione sulle coproduzioni, promuovendo anche l'Italia e i suoi territori come candidati perfetti per ospitare le coproduzioni".

Per ulteriori informazioni e per iscriversi all’Industry Day, si può consultare il sito 

VEDI ANCHE

EXPORT

Ad