/ ARTICOLI

Cinecittà è alle Giornate degli Autori di Venezia con due film.

Il primo, in preinaugurazione, evento di Bookciack con GdA e Isola Edipo, è Il mondo a scatti di Paolo Pisanelli, su e con Cecilia Mangini, sul suo rapporto con la fotografia e la sua vita con le immagini. "Un progetto di film documentario, film –saggio, film autobiografico… - dice il regista - film che non è possibile definire come appartenente a un genere cinematografico. E’ un film che parte da pensieri su immagini fotografiche che hanno fermato il tempo. Ogni scatto può fermare il tempo, il tempo di un clic. Quando si sente lo scatto il mondo si ferma e il tempo è congelato: anche il movimento si ferma e si ha il tempo per fissare il rettangolo di mondo che è rimasto intrappolato. Questo film a scatti mischia immagini del passato e del presente, immagini fisse e immagini in movimento attraverso un dialogo tra due fotografi-cineasti, Mangini e Pisanelli, che riflettono e sperimentano la forza delle immagini, la trasformazione delle immagini, il flusso e la velocità delle immagini digitali, il “rumore visivo”in cui siamo immersi. Una sfida per l’occhio".

Fellini e l’ombra di Catherine McGilvray, invece, è un documentario sul rapporto poco raccontato dal cinema tra Federico e l'indagine psichica, specie a partire dal suo rapporto personale con lo psicanalista junghiano Ernst Bernhard. Attraverso 'Il libro dei sogni' dello stesso Fellini, e altri testi autobiografici, intreccia i frammenti di un dialogo tra la voce femminile interiore del regista, l'Anima, e l'ombra del suo inconscio, documentando la ricerca interiore di Fellini attraverso la parte più buia della sua psiche.

VEDI ANCHE

VENEZIA 78

Ad