/ ARTICOLI

Gary (Cooper Hoffman, figlio di Philip Seymour) e Alana (Alana Haim), 15 e 25 anni, nella San Fernando Valley del 1973. Loro i protagonisti di Licorice Pizza di Paul Thomas Anderson

Lui, studente, prodigio dell’imprenditoria, incontra lei, assistente fotografa per le fotografie di classe a scuola, e se ne invaghisce, incontrando curiosità e diffidenza in lei, divertita dall’intraprendenza dell’adolescente, tanto da stabilire un rapporto che li porta a essere soci, amici, in equilibrio tra volitività e sentimento. 

Una serie di “quadri”, come piccoli episodi, si susseguono e costruiscono l’architettura di questo film, che non ha una trama ma è un flusso di circostanze che guardano Gary e Alana comporre il puzzle della loro quotidianità: tangente al concetto di romanzo di formazione, il film restituisce piacevolmente un’epoca, resa nella bella visione della scenografia e delle atmosfere, portando per mano una narrazione che si sente però prolissa, in cui la catena degli eventi sembra quasi cercarne sempre “uno in più” come a rassicurare la trama di aver radicato il racconto.

L’esordio dei due protagonisti convince, cammina sopra la media, anche se proprio il passo diluito della narrazione sfuma un po’ l’intensità di Hoffman e Haim: sono i “camei” d’accezione, da Sean Penn a Bradley Cooper, a illuminare, di tanto in tanto, con una scintilla che richiama all’ordine l’attenzione dello spettatore. 

Licorice Pizza – titolo che è un riferimento sensoriale ai ricordi di Anderson, è infatti il nome di una catena di negozi di dischi attiva in California fino alla metà degli Anni ’80 – è un racconto sul cantiere della vita, sulla costruzione e comprensione della propria “strada” nell’esistenza, seppur, appunto la lentezza perenne, e l’intermittenza debole di slanci, fa implodere un po’ su se stesso il senso del film. 

Il film di Paul Thomas Anderson espira biografismo, lo si coglie dal tono affettuoso con cui mette in scena Gary e Alana soprattutto, cosa sostenuta anche dalla certezza che le vicende del protagonista sono ispirate alla vita giovanile di Gary Goetzman, amico di Anderson, imprenditore, produttore cinematografico (Philadelphia, Il silenzio degli innocenti, Mamma Mia!) e socio di Tom Hanks. 

Il film esce in sala dal marzo prossimo, distribuito da Eagle Pictures. 

VEDI ANCHE

DISTRIBUZIONE

Ad