/ FOCUS

NOIR IN FESTIVAL 2019

 Elementi

Bacurau, Giovannesi e De Maria vincono il Noir

“Un film forte, magnifico e toccante, capace di raccontare in modo semplice una situazione complessa. Pur giocando con i generi, ogni singola scena è una combinazione unica di violenza e humour". Questa la motivazione del Black Panther Award assegnato al film di Kleber Mendonça Filho e Juliano Dornelles. Premio CaligariLa paranza dei bambini e Lo spietato

Lucia Mascino: "La mia paura del nero"

Giurata al Noir in Fest, la vedremo presto accanto ad Aldo, Giovanni e Giacomo nella commedia di Massimo Venier Odio l’estate, di cui ci dà alcune anticipazioni. Nel frattempo, ci racconta anche del suo rapporto personale con il lato noir delle cose, delle sue paure più recondite e dei ruoli che le piacerebbe interpretare 

De Lillo: Fulci Talks, ritratto di un terrorista del genere

Antonietta De Lillo è lavoro a un nuovo documentario su Lucio Fulci, tratto da una sua lunga intervista del 1993, in buona parte inedita, recuperata dagli archivi. Per ridare agli spettatori quella preziosa conversazione, e fare un nuovo ritratto del regista, capace di sorprendere soprattutto chi non lo ama ancora

Codice ultrà per Claudio Bonivento

Dopo aver prodotto Ultrà di Ricky Tognazzi, premiato alla Berlinale nel 1991, Bonivento torna a interessarsi al mondo delle tifoserie sportive, questa volta da regista. Lo fa con un film che parla di diatribe all’interno della stessa tifoseria, ispirato a una rissa tra romanisti a Centocelle, con Mirko Frezza e Francesco Pannofino protagonisti

Andrea Purgatori, spie e intelligence oggi

Al Noir per presentare il suo esordio al romanzo, Quattro piccole ostriche (“una spy story sui generis in cui pensi di avere a che fare con il passato e ti ritrovi invece nel presente"), lo sceneggiatore e giornalista investigativo parla anche di Nuova Guerra Fredda e di un’intelligence tedesca mai andata in pensione

Il mistero Henri Pick chiude il Noir

È la pellicola di Rémi Bezançon, con Fabrice Luchini e Camille Cottin,  il film di chiusura della 29ma edizione del Noir in Festival. Una commedia brillante e sorprendente, piena di colpi di scena e rivelazioni, in sala dal 19 dicembre con I Wonder Pictures

Bellocchio e l’odio per Moro di certa sinistra

Sarà in sei episodi Esterno, notte la prima serie di Marco Bellocchio ( “e forse anche l’ultima”) che torna, dopo Buongiorno, notte a riflettere sulle vicende legate ad Aldo Moro. “Una questione che mi ha colpito molto”, racconta il regista in occasione della laurea honoris causa in Televisione, Cinema e New media consegnategli allo IULM

Daniel Alfredson: l’intrigo che viene dal passato

Al Noir in Fest la trilogia completa Intrigo tratta dai bestseller dello svedese Håkan Nesser e firmata da Daniel Alfredson, già autore di due capitoli di Millennium: "Il dramma scaturisce sempre, in entrambi i progetti, da qualcosa avvenuto prima che fa muovere l’azione. Non si è liberi finché non ci si confronta con il proprio passato"

Argento premia Jonathan Lethem​

E' stato un amico illustre del Noir in Fest, il maestro del genere Dario Argento, a consegnare il Raymond Chandler Award 2019 per la carriera a Jonathan Lethem, uno dei talenti più interessanti della nuova narrativa americana, "capace di raccontare la post-modernità in termini insieme d’angoscia e di ribellione"

Angela Allen: Orson Welles e le fogne di Vienna

Una magnifica versione restaurata de Il terzo uomo (1949) di Carol Reed ha dato il via agli eventi speciali del Noir in Fest, accompagnata da un ospite d’eccezione: l’allora segretaria di edizione Angela Allen, che ha raccontato aneddoti, curiosità e retroscena di uno dei capolavori indiscussi della storia del genere

Ad