/ NEWS

Dal 19 dicembre è nelle sale, distribuito da Lucky Red, Ritratto della giovane in fiamme di Céline Sciamma. Già regista di Tomboy e sceneggiatrice di La mia vita da zucchina, Céline Sciamma torna dietro la macchina da presa per raccontare una storia d’amore potente e delicata, ambientata nella Francia di fine ‘700, offrendo al contempo una riflessione attualissima sulla condizione della donna nella società e nell’arte.

Premiato al Festival di Cannes per la migliore sceneggiatura e vincitore della Queer Palm, il film presenta un cast tutto al femminile, composto da Noémie Merlant, Adèle Haenel e Valeria Golino. Al centro della vicenda la talentuosa pittrice Marianne (Noémie Merlant), che nella Francia prerivoluzionaria viene ingaggiata per fare il ritratto di Héloise (Adèle Haenel), un dipinto destinato al futuro marito della giovane nobildonna che ha da poco lasciato il convento per sposare l’uomo a lei destinato. La ragazza, contraria alle nozze combinate, si rifiuta di posare: su indicazione della madre (Valeria Golino), Marianne comincia a dipingerla di nascosto, fingendosi la sua dama di compagnia. Tra le due donne nascerà così un amore tanto travolgente quanto inaspettato.

VEDI ANCHE

DISTRIBUZIONE

Ad